Competenze mercato business digitale aziende imprese skills

Le competenze vincenti per aggiornare il business ad un mercato sempre più caratterizzato dal digitale

By 0 Comment

In un mercato in costante trasformazione e sempre più caratterizzato dalla presenza del digitale le aziende hanno bisogno di aggiornarsi e rispondere tempestivamente 

(Venezia, 30 gennaio 2020) Il mercato è in costante trasformazione e sempre più caratterizzato dal digitale, un aspetto strategico che rinnova le competenze e ne ricerca di nuove da inserire all’interno delle imprese, che oggi, si trovano in un sistema sempre più competitivo. Quando si parla di azienda si parla di persone di competenze, skills e soprattutto di resilienza.

Come si affronta il mondo del lavoro? Come si evolvono le competenze in sintonia con la crescita aziendale? E l’azienda quanto è resiliente rispetto al mercato? Queste le tematiche affrontate quotidianamente dalle imprese che devono offrire servizi sempre più qualificati, in maniera tempestiva comunicandoli attraverso i canali digitali e devono aprirsi a nuovi modelli di business.

Qualità, tempestività e capacità di adattamento alla trasformazione in atto sono le richieste del business oggi a cui ciascuno è chiamato a rispondere, dai più giovani a quelli con grande esperienza, l’aggiornamento costante delle competenze diventa fondamentale.

Un’analisi di Francesca Anzalone, imprenditrice e docente accademica, da oltre venti anni nell’ambito della comunicazione digitale.

Il World Economic Forum in un Report dal titolo “Future of Jobs” ha individuato dieci competenze trasversali, “soft skills”, le sole in grado di fare realmente la differenza nel mercato del lavoro.

“In un mondo sempre più tecnologico bisogna saper convivere con i nuovi paradigmi produttivi e aziendali afferma Francesca Anzalone, imprenditrice e CEO di Netlife Comunicazione e Formazione “rispondere al meglio alle future esigenze delle aziende, e per questo sono necessarie nuove competenze, dal 1999 portiamo avanti progetti di e-Learning proprio sull’aggiornamento delle competenze, il Long Life Learning che per noi si traduce nel brand Upskilling. Una visione che è sicuramente più radicata nei giovani e ancora non pienamente compresa nella portata, dagli imprenditori che ancora troppo spesso vedono l’aula come un mancato business. Non sempre e non per tutte le realtà, ciò che è sicuramente cambiata è la consapevolezza nell’erogazione della formazione finalizzata a specifiche skills. Ad esempio negli ultimi anni si tende a personalizzare sempre più il programma formativo aziendale sui singoli rispetto che sulla classe e questo dimostra come l’investimento sia finalizzato a specifici obiettivi di crescita. Maggiore investimento in termini economici rispetto alla formazione sempre più specializzata e strutturata per segmenti in funzione di un macro obiettivo che tutti devono condividere, ognuno però con il proprio approccio. E soprattutto con un accompagnamento alla crescita anche delle relazioni, della capacità di adattamento alle situazioni, nonché flessibilità e della costruzione di team sempre più coesi”.

Le competenze sicuramente vincenti che caratterizzano i candidati migliori per le imprese sono:

1) Il problem solving in qualsiasi situazione da quella semplice a quelle complesse. Le risorse sono appunto tali perché rappresentano un valore aggiunto, aiutano nella risoluzione delle criticità e tempestivamente sanno trovare la soluzione più efficace.

2) Grazie al digitale abbiamo sviluppato una competenza critica, di valutazione maggiore e di comparazione e questo permette sicuramente di avere una visione molto più attenta. Ciò che si richiede alle figure aziendali è sicuramente chiarezza, accuratezza e precisione, un pensiero critico che parta da una grande capacità di ascolto e rielaborazione delle informazioni.

3) In tutto questo rigore, ordine e organizzazione potrebbe “suonare strano” ma la creatività è una delle skill che oggi sono necessarie per rendere l’immagine aziendale sempre più coinvolgente e interessante, sia per la comunicazione interna che per quella esterna. Qui i giovani e giovanissimi fanno la differenza. Fotografie, video, visual e grafiche in generale oggi sono i contenuti quotidiani che raccontano le aziende, le Factory on Stage! chiamate sotto ai riflettori per competere nella narrazione digitale. Le stanze che le aziende possono dedicare a questo comporto sono delle vere e proprie fucine di creatività. E miniere di contenuti assolutamente “disruptive”.

4) L’uso dell’empatia e dell’intelligenza emotiva per motivare, affiancare e supportare il team nel percorso di crescita. L’azienda si sviluppa, il business si evolve, sempre più spesso si inseriscono nuovi modelli di business e quindi la visione e l’identità vanno costantemente aggiornate non solo nelle grafiche ma anche nell’identificazione e nell’appartenenza da parte delle persone.

5) E sempre di empatiaascolto e visione comune si caratterizza il team. Una vera e propria squadra motivata, unita dagli obiettivi e supportata dalla capacità di entrare in un meccanismo virtuoso di lavoro congiunto in cui ciascuno con la propria competenza rappresenta un valore da completarsi con quello del resto della squadra.

6) Non si perde tempo, ma si costruisce, si lavora con un intento comune e si condivide la conoscenza in maniera trasversale. Ognuno è un nodo di valore connesso ad altri attraverso cui condividere il sapere. Ognuno responsabile e in grado di prendere decisioni tempestive da condividere poi con i responsabili di settore. E soprattutto si è sempre in ascolto delle esigenze altrui e si diventa molto più disponibili e attenti. E in tutto questo si diventa flessibili, per entrare in progetti, offrire il proprio contributo e uscire per entrare in un altro. Uno scambio costante di energie, obiettivi e sicuramente emozioni, attraverso una negoziazione costante che prevede spazi, tempi e azioni ben definite e in cui ciascuno ne esce soddisfatto.

7) La negoziazione rientra anche nelle attività strategiche di business, competenza fondamentale per gestire le situazioni anche più delicate e ottenere un soddisfacimento comune.

 

Informazioni per la stampa
Filomena Spolaor – Ufficio Stampa e Pubbliche Relazioni Netlife Comunicazione
Mob. 392 3548838
press@netlifesrl.com 
www.netlifesrl.com

 

Rassegna Stampa

Bitmat, 03.02.2020

https://bit.ly/31gPF8c

Dailyonline, 04.02.2020

https://bit.ly/2vd2cxy

Youmark, 07.02.2020

https://bit.ly/31AhW9O

shares