Netlife s.r.l. Servizi di Comunicazione e Marketing nell’era digitale

Netlife s.r.l. by Francesca Anzalone - Strategic Communication, Corporate, Brand, Uffici stampa, Digital PR, Social Media Management, Editorial Board, Servizi Editoriali e Video produzioni

Comunicazione e marketing nell'era digitale

Netlife s.r.l. by Francesca Anzalone – Corporate Communication, Uffici stampa, Digital PR, Social Media Management, Editorial Board e Video produzioni a VENEZIA

La comunicazione della PA ha una nuova direzione – In anteprima i primi dati sull’Osservatorio della Comunicazione Digitale

LA COMUNICAZIONE DELLA PA HA UNA NUOVA DIREZIONE

CRESCONO I DATI DELL’OSSERVATORIO SULLA COMUNICAZIONE DIGITALE 

SULL’USO DEI SOCIAL NETWORK E CHAT

NELLA DISTRIBUZIONE DELLE INFORMAZIONI

La fotografia di una trasformazione sociale in corso” commenta Francesca Anzalonemembro del Comitato Scientifico dell’Osservatorio sulla comunicazione digitale in rappresentanza del Veneto – in cui il digitale non è prerogativa di giovani, la PA dialoga in maniera semplice e diretta, utilizza anche immagini e video. Ma soprattutto di una PA che fornisce informazioni senza lasciarsi trascinare in ‘hating’ e comunicazioni negative”.

 

(Venezia, 21 giugno 2019) Si è svolto il 18 giugno in 18 città italiane il PAsocial Day, un evento unico nel suo genere a livello internazionale sui temi della nuova comunicazione, organizzato e promosso dall’associazione PA Social. E’ la prima associazione italiana dedicata allo sviluppo della nuova comunicazione portata avanti attraverso social network, chat, tutti gli strumenti innovativi messi a disposizione dal web. 

Diversi i temi: dalle fake news comunicare trasparenza e legalità, l’educazione con i social, Big Data e Open Data, musei e cultura, turismo. Informare e comunicare, contenuti e strumenti per i piani editoriali della PA, ambiente, sanità, qualità della vita, mobilità e sviluppo sostenibile. E poi semplificazione, fondi europei, strumenti di partecipazione e innovazione per la valorizzazione del patrimonio archeologico e culturale. Comunicazione pubblica e networking, comunicare l’innovazione sul territorio, comunicazione e valorizzazione dei beni culturali per l’industria del turismo. Nuove professioni e organizzazione di comunicazione e informazione, comunicare sviluppo e comportamenti sostenibili, digital education e digital community nella PA, fino alla Comunicazione in Emergenza.

Durante la moderazione dell’evento dedicato a Mobilità Sostenibile nell’era digitaleche si è svolto in occasione del #Pasocialday Veneto nel comune di Padova, Francesca Anzaloneesperta di comunicazione digitale e membro del Comitato Scientifico dell’Osservatorio Nazionale sulla Comunicazione Digitale diretto da Livio Gigliuto, ha avuto modo di condividere i dati di un’indagine condotta da Istituto Piepoli per l’Osservatorio e PAsocial. Si tratta di un’anticipazione dei dati che saranno distribuiti a settembre sia con una pubblicazione sia con un evento. L’Osservatorio è diretto da Livio Giugliuto e nasce dalla lunga collaborazione tra Istituto Piepoli e Pasocial con l’obiettivo di monitorare, analizzare e fare ricerca sull’impatto del digitale sulla società contemporanea.

L’opinione degli italiani rispetto all’uso dei social network e chat nella distribuzione delle informazioni da parte delle PA, del linguaggio da utilizzare e del tipo di dialogo da instaurare“ è il titolo dell’indagine di opinione pubblica. A rispondere il 53% sono donne di età compresa per il 37% tra i 35 e i 54 anni, un altro 37% sopra ai 54 anni e per il 26% dai 18 ai 35 anni. Il restante 47% sono uomini della stessa fascia di età.

Che cosa ne pensano gli italiani rispetto all’uso dei social network e chat nella distribuzione delle informazioni da parte dalla PA? Che tipo di linguaggio si aspettano? cosa si aspettano dal dialogo con le PA sui social network (FB, Twitter, Instagram…) e in chat WhatsApp, Messenger?

8 italiani su 10 ritengono utile che la PA dia informazioni e servizi tramite i social (78% lo definisce utile). Un altro aspetto importante che emerge è che i social non sono più “mezzi da giovani” il 72% degli over 54 intervistati li definisce utili.

Anche il linguaggio subisce una trasformazione, non ci si aspetta un linguaggio istituzionale, ma per il 59% un linguaggio semplice e colloquiale, anche con utilizzo di immagini e video.

Infine, interessante è anche l’aspetto legato alla tipologia di dialogo tra PA e cittadino. Il 32% degli intervistati opta per un dialogo costante e aperto tranne in caso di hating. “Che rispondano sempre, tranne quando ci sono insulti o messaggi fuori contesto”, a cui si aggiunge un 31% che opta per risposte informative che rispondono solo per dare informazioni.

La cittadinanza si aspetta dalla PA dialogo costante – afferma Francesca Anzalone – L’indagine svolta ha restituito una fotografia di una società in cambiamento, in cui il digitale non è prerogativa dei giovani, ma fanno parte della nostra società trasversalmente. La PA dialoga in maniera semplice e diretta, utilizza anche immagini e video. Ma soprattutto fornisce informazioni senza lasciarsi trascinare in “hating” e comunicazioni negative”. 

shares